East Greenland Expedition

Ultimi preparativi prima della partenza per la "East Greenland Kayak Expedition".
Il progetto prevede di pagaiare nella regione Ammassailik, una zona particolarmente legata alle tradizioni di esplorazione in zone artiche in cui pionieri del calibro di Gino Watkins hanno affrontato incredibili imprese.
Ci sarà anche l'occasione per esplorare i ghiacciai, le zone montuose circostanti e visitare alcune comunità Inuit, popolazione nativa della Groenlandia.


Photo Courtesy Martin Rickard - Seakayakadventures.co.uk

Nella costa est gli insediamenti umani sono più rari rispetto a quella ovest o sud. Pagaieremo lunghi tratti di costa selvaggia, in totale autosufficenza, facendo campeggio nautico. La temperatura andrà dai 10/12 C. di giorno agli 0° C. notturni.
Il team è composto da sette kayakers provenienti da Stati Uniti, Regno Unito ed un italiano (io).
L'organizzazione è coordinata da Martin Rickard di seakayakadventures.co.uk leader nelle spedizioni in kayak in Groenlandia, Isole Shetland ed altre zone dei mari del nord. Ed anche da Greenland or Bust di Helen Wilson (esperta di stile Greenland) e Mark Tozer (Seakayak Coach e Mountain Instructor).
Siamo tutti molto motivati e non vediamo l'ora di incontrarci a Reykjavick (Islanda) dove c'è l'appuntamento per controllare l'attrezzatura e gli ultimi preparativi prima di prendere il volo per Kulusuk in Groenlandia Est...

Giacomo

Photo Courtesy Martin Rickard - Seakayakadventures.co.uk


East Greenland Expedition

Final preparations before leaving for the "East Greenland Kayak Expedition."
The plan is to paddle in the Ammassailik region, an area particularly linked to the traditions of exploration in Arctic areas where pioneers such as Gino Watkins faced incredible enterprises.
There will be the opportunity to explore the glaciers, surrounding mountain areas and visit the settlements of Inuit, the native population of Greenland.
Human settlements on the east coast are more rare than the west or south. We will paddle long tracts of wild coastline, total self-sufficiency, making nautical camping. The temperature will range from 10/12 ° C. during day and 0 ° C. at Night.

The team is composed of seven kayakers from the United States, United Kingdom and an Italian (me).
The organization is coordinated by Martin Rickard of seakayakadventures.co.uk leading kayak expeditions in Greenland, Shetland Islands and other areas of the northern seas. And also from Greenland or Bust of Helen Wilson (Greenland style expert) and Mark Tozer (Seakayak Mountain Instructor and Coach).
We are all very motivated and we look forward to seeing us in Reykjavick (Iceland), where the appointment to check the equipment and the final preparations before taking the flight to Kulusuk in East Greenland...

Giacomo


Photo Courtesy Martin Rickard - Seakayakadventures.co.uk


Niger River by Kayak - Incontro con i Peul
Niger River by Kayak The Peul encounter

Riordinando foto e filmati fatti durante il viaggio in Mali...
L'incontro con i Peul (o Fulani), uno dei principali gruppi etnici che vive in Mali. Sono pastori nomadi che si spostano in tutto il Sahel, la fascia geografica subito sotto il Sahara, sempre alla ricerca di buoni pascoli per le proprie mandrie. Poche volte l'anno sono costretti ad attraversare il Niger proprio per trovare territori più fertili ed erbosi per le mucche.

I Peul spingono gli animali, impauriti dall'acqua, da una riva all'altra, seguendoli per evitarne l'annegamento. Purtroppo una non ce l'ha fatta.
Atmosfera incredibile ed emozionante quando mi sono trovato davanti a questo vero e proprio spettacolo. Soprattutto se vissuto dal kayak...


While reorganizing photos and videos made during the trip to Mali...The meeting with the Peul (or Fulani), one of the main ethnic groups living in Mali. They are nomadic pastoralists who move all over the Sahel, just below the Sahara geographical range, always in search of good pasture for their herds. Few times a year are forced to cross the Niger to find their more fertile lands and grass for the cows.
The Fulani push the animals, afraid of the water, from shore to shore, following them to prevent drowning. Unfortunately one has done it
.
Amazing atmosphere and exciting, when I was in front of this real spectacle. Especially if it is lived from the kayak ...
Giacomo




Video from Niger River
Ecco un piccolo video fatto subito dopo aver montato il kayak...
Here is a little video made just after the kayak assembly...



Niger River by Kayak
A Casa!
Finalmente a casa! Anche il viaggio per rientrare a Bamako ha riservato emozioni, arrivato a Mopti smonto il kayak con l'aiuto di Ibrahim, incontrato sulla pinassa, e poi con un bus locale vado a Bamako.
Il giorno successivo riesco a confermare l'anticipo del volo per l'Italia.
Ultimi saluti all'amico Jeanbakir che con la sua ospitalità ha contribuito a rendere questo viaggio unico.
Oltre a Valentina e la mia piccola Germana trovo a sorpresa anche Leo  all'aereoporto. Anche loro miei compagni d'avventura... senza il loro contributo questa avventura non sarebbe stata possibile.
Ecco alcune prime foto al volo...
  Giacomo

Niger River by Kayak
At Home!
Finally at home! Even the journey back to Bamako has reserved emotions, arrived in Mopti disassemble the kayak with the help of Ibrahim, met on the pinassa, and then I go with a local bus to Bamako.
The next day, I can confirm the anticipation of the flight to Italy.
Last greetings to Jeanbakir, friend who with her hospitality has helped make this journey unique.
In addition to Valentina and my little Germana a surprise was to find Leo at the airport. They, too, my companions of adventure ... without their contribution this adventure would not have been possible.
Here are some first photos ...
  Giacomo




Day 13

Niger River by Kayak
13° giorno 30 /11/2011
Niafunke Maiga Dire  68  Km
"Un'altra emozionante giornata, l'ultima di questa stupenda avventura. Navigo pensando tutti gli incontri fatti in questi giorni. Tanti momenti difficili ma anche tanti sorrisi pieni di amicizia e sincerità. Arrivati al villaggio di Salif grande festa d'accoglienza. Ma subito dopo cena prendo una pinasse pubblica che arriva a Mopti domani. Non ho il tempo di smontare il kayak, lo farò a Mopti. Il nord del Mali è vietato agli stranieri e devo rientrare subito. Da qui in poi si entra nel distretto di Timbouctou, dopo quanto fatto dai terroristi non è proprio il caso di proseguire. Via fiume è più lento ma più sicuro. Alcuni militari al villaggio me lo confermano. Il viaggio in kayak termina qui. Adesso mi tocca il viaggio di ritorno, praticamente un'altra avventura... Ciao "
SAT SMS ricevuto da Giacomo


Niger River by Kayak
13° day 30 /11/2011
Niafunke Maiga Dire 68 Km
"Another exciting day, the last of this wonderful adventure. I paddle thinking to all the people I met during past days. Many difficult moments but also many smiles full of friendship sincerity. When I'm arrrived at  Salif village I reiceve a  great party host. But after dinner I take a public pinasse becouse I want  to arrive in Mopti tomorrow. Do not have time to disassemble the kayak, I'll do in Mopti. The north of Mali is prohibited to foreigners and I have to return immediately. From here you enter the district Timbouctou, after what has been done by terrorists, is not just the case to proceed. By river is slower but safer. Some soldiers in the village confirm it. The kayak trip ends here. Now I have to the return journey, almost another adventure ... Hello"
SAT SMS received by Giacomo

Day 12

Niger River by Kayak
12° giorno 29 /11/2011
Gore- Niafunke 64 Km
"Sveglia con il Leonardo kayak ricoperto di sabbia portata dal vento. Il rinforzo della chiglia si sta rivelando fonadamentale  negli atterraggi. Spesso il kayak carico viene trascinato dagli amici maliani  che vogliono aiutarmi. Oggi centinaia di vacche attraversano il fiume spinte dagli allevatori Peul. Mi rendo utile con il kayak spingendone alcune con la prua verso la riva. I Peul ringraziano sorridenti. Faccio il campo fuori dal villaggio caotico perchè oggi sono davvero stanco, domani conto di arrivare al villaggio di Salif ed organizzare il rientro via fiume. Ciao."
SAT SMS ricevuto da Giacomo



Niger River by Kayak
12°day 29 /11/2011
Gore- Niafunke 64 Km
"Wake up with Leonardo kayaks covered with wind-blown sand. The reinforcement of the keel is proving crucial in landing. Often the heavy kayak is dragged by Malians friends who want to help me. Today, hundreds of cattle drivenby the Peul people across the river. I Help them with some pushing  the kayak with its bow toward the shore. The Peul thank smiling. I stop outside the village because I am really tired today; tomorrow I hope to arrive at the village of Salif and organize the return by river. Hello. "
SAT SMS received by Giacomo


Day 11

Niger River by Kayak
11° giorno 28 /11/2011
Lac Debo- Gore 58 Km
"Lasciamo il lago verso nord. Decine di piccoli canali si riuniscono nuovamente in un unico fiume. Dopo pochi km la vegetazione accanto al fiume diventa quasi desertica. Sembra di aver cambiato continente in poche ore. Decido di finire il viaggio a Saiga, il villaggio di Salif, che si trova poco prima della zona di Timbouctou. E poi di rientrare via fiume, dopo aver smontato il kayak, con una pinasse a motore per Mopti."
SAT SMS ricevuto da Giacomo





Niger River by Kayak
11°day 28/11/2011
Lac Debo- Gore 58 km.
"I leave the lake to the north. Dozens of small channels come together again in a single river. After a few km along the river the vegetation around me is almost deserted. It seems to have changed the continent in a few hours. I decide to finish the trip to Saiga, the village of Salif, which is located just before the area Timbouctou. And then back on the river, after removing the kayak, with a motor pinasse direct to Mopti".
SAT SMS received by Giacomo

Day 10



Niger River by Kayak
10° giorno 27 /11/2011
Gourao -Lac Debo Km 33
"Pagaiata più faticosa per l'assenza di corrente. L'ingresso al lago dopo km di piccoli canali in cui perdersi è facile. Vento contro con onde quasi "marine". Per la prima volta entra un pò d'acqua nel kayak. Seguo la costa a Nord, più ridossata. Ci fermiamo in un villaggio dove hanno appena subito l'attacco di un ippopotamo. Domani rimango incollato alla piroga di Salif! Campo in spiaggia  attaccato alla radio per le news".
SAT SMS ricevuto da Giacomo



Niger River by Kayak
10°day 27/11/2011
Gourao- Lac Debo 33 km.
"Today paddle is more difficult by the absence of current. The entrance to the lake after miles of small channels in which getting lost is easy. Against the wind with waves almost "marine." For the first time comes a little water in the kayak. I follow the coast to the north, more sheltered. We stop in a village where they have just suffered an attack of a hippopotamus. Tomorrow I stay glued to the pirogue by Salif! Camp on the beach attached to the radio for news".
SAT SMS received by Giacomo

Day 9


Niger River by Kayak
9° giorno 26/11/2011
Kotaka - Gourao 58 km.
"Ieri sera apprendo di seri problemi di sicurezza in zona Timbouctou. Un turista morto, altri rapiti. Oggi governo maliano evacua tutti gli stranieri dal Nord con ponte aereo. Non potrò entrare in area Touareg. Oggi ho comunque navigato verso il lago. Il fiume si divide in vari canali. Seguo le indicazioni di Salif, che si rivela molto esperto. Campo a pochi km dal lago. Immersi nel verde con uccelli di ogni tipo in volo. Ciao"
SAT SMS ricevuto da Giacomo


Niger River by Kayak
9°day 26/11/2011
Kotaka- Gourao 58 km.
Last night I learn of serious security problems in the Timbouctou area. A tourist who died, others kidnapped. Today Malian government evacuates all foreigners from the north with the airlift. I can not get into Touareg areas. Today, however, I paddled down the lake. The river splits into several channels. I follow the indications of Salif, who turns out to be very experienced. Night stop a few miles from the lake. Dipped in the green with birds of all kinds in the air. Hello "
SAT SMS received by Giacomo